Sulle Dolomiti di Tiziano

ESCURSIONI CLASSICHE NELLE DOLOMITI DI TIZIANO

Benvenuti in Cadore, il regno dell’escursionismo estivo ed invernale. Benvenuti sui sentieri che salgono e scendono i crinali delle Dolomiti più belle. Il loro fascino è noto al mondo ma non tutti hanno avuto la possibilità di guardarle all’alba o al tramonto quando si ravvivano, brillano, cambiano colore. Abbandonano il pallore dolomitico e diventano rosa, arrossiscono, s’indorano, si enrosadiscono. Uno spettacolo unico al quale, grazie alla rete sentieristica cadorina, si può assistere sia d’estate che d’inverno.

I sentieri del Cadore consentono di immergersi in una natura generosa, di attraversare boschi maestosi e di lambire le leggendarie Tre Cime di Lavaredo, re Antelao, il “caregon del Padreterno” ovvero il Pelmo, le eleganti e storiche Tofane, autentici monumenti dolomitici dove sono state scritte alcune tra le pagine più importanti della storia alpinistica mondiale. Ad arricchire la vasta rete dei sentieri ci sono i rifugi alpini molti dei quali aderendo progetto "Cadore regno delle ciaspe" restano aperti anche durante la stagione invernale.

Ma il Cadore non è solo escursionismo, è anche storia e cultura. Nel centro di Pieve si trova il Palazzo dove ha sede la Magnifica Comunità l’istituzione che ha rappresentato, fin dal Trecento, l’autonomia di governo delle genti del Cadore. Pieve ospita il Museo Archeologico Cadorino e il Museo dell’Occhiale che fanno parte della ricca e originale rete museale del Cadore. E a Pieve c’è la casa del grande pittore rinascimentale Tiziano Vecellio. Ma di arte e di storia pullulano tutte le valli cadorine. Ogni paese un tesoro. Ogni campanile una storia. Da San Vito a Borca, Vodo, Cibiana e Valle fino a Selva, Zoppè, Perarolo e Ospitale. E poi, Comelico Superiore, San Nicolò, San Pietro, Sappada, Santo Stefano, Danta e Auronzo senza dimenticare Vigo, Lorenzago, Lozzo, Domegge e Calalzo per tornare infine a Pieve.

Ad alimentare la consapevolezza che il Cadore è una terra vocata all’escursionismo estivo e invernale ci sono le 22 municipalità che compongono il Cadore e c’è la Magnifica Comunità di Cadore e c’è l’associazionismo della montagna a cominciare dalle Stazioni del Soccorso Alpino, dalle Guide Alpine del Cadore e di Cortina e dai Gruppi Rocciatori “Scoiattoli” di Cortina, “Caprioli” di San Vito, “Ragni” di Pieve e “Rondi” del Comelico. E poi ci sono tanti altri soggetti da sempre impegnati sul versante della valorizzazione e della promozione delle aree dolomitiche.

> scarica la pubblicazione "Sulle Dolomiti di Tiziano" in formato pdf

Dolomiti del Cadore regno delle ciaspe
DA - Dolomites Adventure: +39 340 3126149 - info@dolomites-adventure.com
DA - Dolomites Adventure ® è un marchio registrato di Communication Management di Cristina Del Favero. Ogni diritto è riservato.