difficoltà:
giornate: 1

Da San Vito ad Auronzo

Da San Vito ad Auronzo

Da San Vito di Cadore si raggiunge il rifugio Scotèr Palatini (1580 m) mediante seggiovia

o percorrendo la strada sterrata che parte dal parcheggio dello stesso impianto di risalita (1250 m). Si sale lungo il sentiero n. 228, attraversando dapprima ghiaioni e mughete alla base delle cime Scotèr e Belprà, poi un fitto bosco di abeti e pini, sino alla terrazza erbosa del Col de chi de Oss dove sorge il rifugio San Marco (1823 m). Il rifugio del CAI di Venezia, inaugurato nel 1895, costituisce uno storico punto d’appoggio per i tre gruppi montuosi del Sorapìs, Marmarole Occidentali e Antelao. Situato in una splendida posizione che consente di ammirare da una prospettiva privilegiata l’Antelao e la conca di San Vito, conserva ancora oggi la pregevole struttura originaria. Riprendiamo il cammino salendo alla forcella Grande (2255 m, valle glaciale dalla caratteristica forma ad “U”), dove spicca la Torre dei Sabbioni, cima che evoca uno storico avvenimento: il 29 agosto 1877, infatti, la guida alpina sanvitese Luigi Cesaletti aprì sulle sue pareti la prima via di III° grado in Dolomiti. La notizia fu comu­nicata al Congresso Nazionale del CAI, che in quei giorni si teneva ad Auronzo di Cadore. Dalla forcella Grande, lasciando a sinistra il sentiero n. 246 per il bivacco Giuliano e Scipio Slataper, si scende lungo la Valle di San Vito. Incrociamo anche il sentiero attrezzato C. Mina-zio n. 243, che conduce al bivacco Emilio Comici e al rifugio Vandelli, e il sentiero attrezzato Sanmarchi, n. 280, che conduce al bivacco Voltolina. Scesi a valle, dopo una lunga traversata della foresta di Somadida (riserva naturale) si giunge a Palùs San Marco (1135 m) da dove è possibile, anche con mezzi pubblici, tornare a San Vito di Cadore.

PARTENZA / ARRIVO rifugio Scotter - Palus San Marco

TEMPO 8 ore

TIPOLOGIA Lineare

DIFFICOLTÀ
estate: EE = Escursionisti Esperti
inverno: WT5 - Itinerario alpino impegnativo con ciaspe o racchette da neve

DISLIVELLO + 675 m - 1120 m

SENTIERI CAI 226

Equipaggiamento: in estate: abbigliamento comodo e traspirante, scarponi da trekking, zaino 40-50 litri, copri zaino impermeabile, giacca impermeabile, indumenti di ricambio, necessario per l’igiene personale, borraccia, bastoncini da trekking / in inverno: ciaspole (dette anche ciaspe o racchette da neve), bastoncini - giaccavento impermeabile, ghette, pile pesante, indumenti termici a pelle guanti (2 paia), occhiali da sole – indumenti di ricambio - borraccia (thermos)

Testi e immagini forniti nell'ambito del progetto REGNO DELLE CIASPE.
Da San Vito ad Auronzo

Clausola di esclusione responsabilità: Il materiale presente sul portale è costituito da informazioni fornite dai singoli operatori. Le indicazioni in esso contenute potrebbero non essere esaustive, complete e/o aggiornate. Il portale non ha alcun controllo e non si assume alcuna responsabilità sui contenuti e servizi forniti dai singoli operatori.

QUAL E' IL PERIODO MIGLIORE?

Tutto l'anno, secondo le condizioni meteo.

VAI AL CALENDARIO >

QUAL E' IL LUOGO DI RITROVO?

Dolomiti - Veneto
zona: Cadore - Auronzo - Misurina
Auronzo di Cadore (Belluno) - Piazza S. Giustina

[Localizza sulla mappa il luogo di ritrovo.]

      escursioni classiche nelle Dolomiti del Cadore

      In calendario

    DA - Dolomites Adventure: +39 340 3126149 - info@dolomites-adventure.com
    DA - Dolomites Adventure ® è un marchio registrato di Communication Management di Cristina Del Favero. Ogni diritto è riservato.