difficoltą:
giornate: 1

Anello del Chiggiato

Anello del Chiggiato

Da Praciadelan a 1050 m si scende alla località Tuoro per splendidi prati costeggiati da Tabià, tipiche costruzioni con fi enile e stalla. Da qui, con pendenza più decisa si risale fino a raggiungere i fi enili di Colon a 1350 m. Il sentiero diventa ora comoda mulattiera e con lievi saliscendi prosegue fi no a raggiungere la località Costapiana (1337 m), antico alpeggio ancora ricco di tanti tabià. Qui il sentiero (n. 261) si restringe e s’inoltra dolcemente nel bosco di faggi, abeti e larici. In località La Sera a quota 1600 m si trova il capitello presso il quale nel 1988 Papa Giovanni Paolo II sostò in preghiera di ritorno da una escursione sulle Marmarole.

A quota 1800 m il bosco lascia defi nitivamente posto al prato. Le Marmarole appaiono in tutta la loro maestosità. In alto a destra si ergono la Croda Bianca, la Cresta degli Invalidi e la Cresta d’Ajaron.

A quota 1920 m la salita termina e il paesaggio si apre improvvisamente in un panorama circolare. Da nord in senso orario: Marmarole, Creste di Confi ne, Peralba, Rinaldo, Tudaio, Cridola, Monfalconi, Spalti di Toro, Cima Spe, Duranno, Col Visentin, le montagne di Cibiana, l’Antelao e lo Scotter. Qui alla mattina pascolano stambecchi, cervi, caprioli e camosci.

Al limitare del bosco sorge il rifugio “Giovanni e Dino Chiggiato” del Cai di Venezia costruito nel 1926. L’escursione continua in discesa per il sentiero Cai n. 260, con bellissime vedute sulle Marmarole con la cima più alta del Cimon del Froppa. Si scende velocemente nel bosco attraverso una zona umida con una buona sorgente: Le Palù di Podos. Alla Diassa, siamo a quota 1139 m, il sentiero Cai n. 260 s’innesta nel sentiero n. 255 proveniente dal rifugio Galassi e raggiunge velocemente la località di Praciadelan, punto di partenza.

partenza / arrivo: Praciadelan

tipologia: anello

dislivello: 900 m

tempo di percorrenza: 5-6 ore

difficoltà:
estate: escursionisti
inverno: escursione impegnativa con ciaspe o racchette da neve

sentieri CAI: 260 - 261 - 255

Equipaggiamento: in estate: abbigliamento comodo e traspirante, scarponi da trekking, zaino 40-50 litri, copri zaino impermeabile, giacca impermeabile, indumenti di ricambio, necessario per l’igiene personale, borraccia, bastoncini da trekking / in inverno: ciaspole (dette anche ciaspe o racchette da neve), bastoncini - giaccavento impermeabile, ghette, pile pesante, indumenti termici a pelle guanti (2 paia), occhiali da sole – indumenti di ricambio - borraccia (thermos)

Testi e immagini forniti nell'ambito del progetto REGNO DELLE CIASPE.
Anello del Chiggiato

Clausola di esclusione responsabilità: Il materiale presente sul portale è costituito da informazioni fornite dai singoli operatori. Le indicazioni in esso contenute potrebbero non essere esaustive, complete e/o aggiornate. Il portale non ha alcun controllo e non si assume alcuna responsabilità sui contenuti e servizi forniti dai singoli operatori.

QUAL E' IL PERIODO MIGLIORE?

VAI AL CALENDARIO >

QUAL E' IL LUOGO DI RITROVO?

Dolomiti - Veneto
zona: Cadore - Auronzo - Misurina
Calalzo di Cadore (Belluno) - Piazza

[Localizza sulla mappa il luogo di ritrovo.]

      escursioni classiche nelle Dolomiti del Cadore

      In calendario

      A Calalzo di Cadore puoi, inoltre:

    • VEDERE

    • Lagole

      Nascoste  nei boschi contigui al Lago Centro Cadore, troviamo le Sorgenti di Lągole, un angolo di paradiso ricco di scorci panoramici, storia e leggende.

    • Rizzios

      Un vero e proprio gioiello storico-culturale che conserva intatti gli elementi essenziali degli antichi insediamenti abitativi cadorini.
       
    DA - Dolomites Adventure: +39 340 3126149 - info@dolomites-adventure.com
    DA - Dolomites Adventure ® è un marchio registrato di Communication Management di Cristina Del Favero. Ogni diritto è riservato.